Considerato uno dei chitarristi più eclettici e personali della scena musicale jazz rock e pop, Daniele (classe 1978) inizia gli studi di chitarra classica all'età di sette anni e a sedici anni, folgorato da uno degli ultimi concerti di Gerry Mulligan, intraprende gli studi di jazz con Franco Cerri presso i civivi corsi di jazz di Milano.
Frequentando l'ambiente musicale milanese e contaminandosi con il linguaggio improvvisativo jazz, i timbri rock e i ritmi della world music, iniziano ad arrivare i primi ingaggi mentre continua a studiare partecipando a seminari della Manhattan School Of Music di New York con Joe Diorio, Vic Juris e Jerry Bergonzi.



Dal 2001, per due anni consecutivi collabora come turnista con gli 883 di Max Pezzali e successivamente Luca Dirisio, Gemelli DiVersi, Iva Zanicchi e Francesco Facchinetti tra gli altri.
 

In occasione del debutto discografico nel 2005 con il power trio Euro Groove Department, con Marco Maggiore alla batteria e Joeri Hommerson al basso elettrico (al quale si aggiungono il leggendario bassista Michael Manring ed il sassofonista Emanuele Cisi), l’idea di fondere la musica rock e la musica jazz inizia a prendere una forma. Il disco "Optical Illusion" Ã¨ un mix di jazz funk e groove rock ed è accolto come una rivelazione dal pubblico e dalla critica musicale italiana e mondiale. Lo stile contaminato e personale di Daniele viene riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Con Euro Groove Department segue una lunga ed intensa attività concertistica in Europa e Russia.

 


Nel 2007, profondamente colpito dall’ascolto di un brano di Django Reinhardt fonda il "Clan Zingaro", ensemble di musica swing e gipsy jazz, e reclutando musicisti decisi ad affrontare il palco della strada. Nel 2012 incide "Spaghetti Gipsy” con Ludovic Beier, storico fisarmonicista di Angelo Debarre, considerato una delle voci più influenti dell'eredità stilistica di Reinhardt. Il disco è un omaggio alla musica del chitarrista francese ed alla “swing era†Italiana, reinterpretati in modo personale, fresco e vibrante.

Nel 2009 viene coinvolto dagli "Elisir" capitanati da Paola Donzella, Paolo Sportelli e Walter Calloni, con i quali registra tre album, vincendo il premio Tenco 2009 come miglior opera discografica prima. Nel disco figurano anche Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Bebo Ferra, Xavier Girotto. Con gli “Elisir” parteciperà a due tour Europei ed uno in Africa.

 


Nel 2009 il world grammy award Eumir Deodato (considerato il capostipite della musica acid jazz, arrangiatore di Frank Sinatra, Wes Montgomery, Bjork, Kool & The Gang tra gli altri), recluta la band Groove Department che lo accompagnerà in due tour Europei (Austria, Montenegro, Francia, Germania, Olanda)

 


Nel 2012 fonda “Django’s Roots” con il vibrafonista Gabriele Boggio Ferraris e lo storico batterista italiano Massimo Manzi.

La loro musica è un omaggio elettrico a Django Reinhardt, dove le radici jazz e rock si intrecciano con la musica gipsy swing.
Il loro primo disco entra in classifica tra i “best 50 album” di jazz internazionale del 2014 secondo la rivista JAZZIT.

 


Come solista ha collaborato con musicisti del calibro di Bryan Beller, Marco Minnemann, Eumir Deodato, Ludovic Beier e Fabrizio Bosso, continua a collaborare come chitarrista e come arrangiatore nella scena odierna musicale internazionale

 

  • Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

© 2018 Daniele Gregolin Official Website